Ricerca nel sito
Cerca
  • La Locanda 'Lo Specchio di Diana': un nuovo modello di ospitalit√† turistica
Si consolida a Nemi un nuovo modo di fare accoglienza turistica legata al territorio. Si tratta della “Locanda Specchio di Diana”, il primo Albergo Diffuso inaugurato ufficialmente nei Castelli Romani alla presenza di Alberto Bertucci, Sindaco di Nemi.

“Abbiamo sempre creduto in questa opportunità – ha dichiarato Alberto Bertucci, Sindaco di Nemi – perché riteniamo che sia nostro compito sostenere la nascita di un turismo sempre più attento alle risorse che il nostro territorio offre, come la cultura, l’ambiente e la tradizione. La nascita dell’Albergo Diffuso di Nemi deve essere uno stimolo per le altre imprese, che sono chiamate a fare sistema per dare risposta alle esigenze di un turista a cui interessa vivere il luogo prescelto più che visitarlo, in pratica un residente temporaneo più che un visitatore”.

“Ringraziamo l’amministrazione comunale e BIC Lazio che ci ha assistito nella realizzazione di questo nostro sogno. - ha proseguito Fabio Pacchiele, della Locanda Specchio di Diana – Intendiamo per questo farci portavoce di un nuovo modello di ospitalità, che sia espressione del territorio nel quale viviamo ma senza chiusure nei confronti delle innovazioni. Innescando un circolo virtuoso con tutte quelle imprese che come noi sono attente alle tipicità, ma anche ad una offerta turistica sempre più sostenibile ed eco-compatibile. Il nostro auspicio è di riuscire a fare rete con le amministrazioni, le associazioni e gli altri operatori economici, creando una cabina di regia vicina alle imprese per il rilancio del turismo nei Castelli Romani”.

L'Albergo Diffuso è un modello di ospitalità turistica che fa leva sull’autenticità del territorio e coinvolge l’intera comunità. Si caratterizza per il fatto di avere le sue unità abitative dislocate in più edifici situati in differenti punti del borgo, distanti non più di 100 metri dall’edificio centrale, nel quale sono collocati la reception e gli spazi comuni per gli ospiti. Una formula che permette al turista di vivere a contatto con i residenti ed essere parte del paese, condividendone la sua quotidianità. Un modello che non crea alcun impatto ambientale, dal momento che non è necessario costruire niente visto che ci si limita a recuperare e ristrutturare quello che già esiste nei centri storici.

Coloro che fossero interessati a realizzare nuovi modelli di ospitalità, come l’Albergo Diffuso, possono rivolgersi a BIC Lazio che, dopo una attenta analisi territoriale, avvierà un percorso di accompagnamento, guidando l’aspirante imprenditore verso l’elaborazione di un business plan ed assistendolo nello sviluppo e promozione della sua attività. Il percorso può essere rivolto sia ai potenziali imprenditori sia alle amministrazioni locali interessate a cogliere le opportunità di questo innovativo modello di sviluppo turistico.
Powered by XAOS Systems - Juice Engine