Ricerca nel sito
Cerca
  • Donna Forza 8: presentate a Roma iniziative della Regione Lazio e del Dipartimento Pari Opportunità a favore delle donne imprenditrici e lavoratrici
In occasione della Giornata Internazionale della Donna, è stata presentata oggi a Roma, nella Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, una serie di interventi della Regione Lazio, alcuni dei quali realizzati in coordinamento con il Dipartimento delle Pari Opportunità di Palazzo Chigi, a favore dell’imprenditoria femminile e del sostegno alla conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, questi ultimi realizzati in attuazione di Intesa 2 e finanziati dal Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

A illustrare le iniziative nel corso dell’evento “Donna Forza 8 – Capace di qualsiasi impresa”, sono stati la consigliera del presidente del Consiglio dei Ministri in materia di Pari Opportunità, Giovanna Martelli, e gli assessori regionali allo Sviluppo Economico e Attività Produttive, Guido Fabiani, e al Lavoro, Lucia Valente.

Per quanto riguarda gli interventi promossi dall’Assessorato allo Sviluppo Economico e Attività Produttive della Regione Lazio a favore dell’imprenditoria femminile, l’assessore Fabiani ha presentato gli esiti della prima edizione del bando “Innovazione Sostantivo Femminile”, pubblicato l’anno scorso, pensato per premiare le capacità innovative delle donne con l’assegnazione di un contributo a fondo perduto per progetti di imprese e di associazioni “al femminile”, ossia guidate o possedute maggioritariamente da donne.
Con questo avviso pubblico sono stati ammessi a finanziamento progetti ad alto contenuto tecnologico mirati alla realizzazione di nuovi prodotti/servizi, con particolare riferimento ai cambiamenti sociali, al patrimonio culturale, o che introducono nuovi modelli organizzativi quali il coworking e lo smartworking. In totale le domande sono state 349, 54 le vincitrici, tra imprese e associazioni al femminile, quattro delle quali hanno brevemente presentato durante l’evento i progetti da loro realizzati.

L’assessore Fabiani ha poi illustrato la nuova edizione del bando “Innovazione Sostantivo Femminile”, che verrà pubblicata in aprile e che avrà una dotazione di un milione di euro. Per questa nuova edizione, destinatarie saranno le micro, piccole e medie imprese, anche in forma di impresa individuale, di cui le donne posseggano almeno il 51%.
Saranno inoltre ammissibili le società cooperative e società di persone in cui il numero di soci donne sia almeno del 60% della compagine sociale. Inoltre, importante innovazione di quest’anno, le beneficiarie potranno anche essere donne (singole o team costituito da donne al 100%) che intendano dare vita a una startup nel Lazio. In questo caso l’impresa dovrà essere costituita entro 60 giorni dalla comunicazione di concessione dell’agevolazione.
Come per tutti i bandi, le imprese ammesse dovranno avere almeno una sede nel territorio laziale che sia oggetto dell’investimento finanziato. Per quel che riguarda i settori di attività ammessi, i progetti devono prevedere la realizzazione di nuovi prodotti o servizi tramite l’utilizzo di nuove tecnologie.

Un’altra importante novità che è stata annunciata dall’assessore Fabiani al termine del suo intervento, è la nascita, a breve, in ogni Spazio Attivo gestito da BIC Lazio per conto della Regione, di uno sportello “Donna Forza 8”, dove una consulente specializzata fornirà alle imprese femminili e alle donne informazioni sulle varie possibilità di finanziamento loro destinate specificamente, non solo regionali ma anche nazionali ed europee.

Per quanto riguarda le iniziative finanziate dal Dipartimento per le Pari Opportunità a favore della Conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, sono state presentate le linee prioritarie di Intesa 2 sulla Conciliazione, un sistema di interventi per favorire la conciliazione tra tempi di vita e di lavoro e per consolidare, estendere e rafforzare sui territori regionali iniziative volte a promuovere l’equilibrio tra la vita familiare e la partecipazione delle donne e degli uomini all’interno del mercato del lavoro, favorendo le pari opportunità e contribuendo ad accrescere la produttività delle imprese.

Le risorse che Intesa 2 destina alle Regioni per la realizzazione delle misure di conciliazione vita-lavoro, ammontano complessivamente a 15.000.000 €. Nell’ambito di tali risorse, come illustrato dall’assessore al Lavoro, Lucia Valente, alla Regione Lazio sono stati assegnati 1 milione e 290mila euro che saranno suddivisi su tre linee di intervento e altrettanti avvisi che usciranno nelle prossime settimane:
  • Azioni per promuovere le pari opportunità. Percorsi didattici e di orientamento sulla cultura delle pari opportunità nelle scuole per l’abbattimento degli stereotipi di genere. L’obiettivo è quello di raggiungere 100 scuole nelle 5 Province della Regione;
  • Sportelli donna per il welfare territoriale”. Sperimentazioni innovative per la promozione e il sostegno della microimprenditoria femminile destinata a rafforzare servizi al welfare territoriale, attraverso sportelli in ogni Provincia, per offrire risposte concrete alle crescenti esigenze di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro (orientamento, accompagnamento e agevolazione per l’avvio di nuove micro imprese femminile nell’ambito della conciliazione vita-lavoro);
  • Iniziative sperimentali a carattere innovativo di modelli di lavoro organizzativi flessibili sia per le Pubbliche Amministrazioni sia per le imprese che siano di stimolo per la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro (telelavoro, banca delle ore, adozione di orari flessibili, bilancio sociale di genere, ecc.).

Powered by XAOS Systems - Juice Engine